Words, perfume's language

Seguendo le orme delle avanguardie, le cui origini risalgono alla storia delle società, si scopre una nuova generazione di creativi trasportati da un crescente interesse verso la ricerca dell’unicità, in contrasto alla globalizzazione del “sogno olfattivo”.  Riemerge il gusto per la ricerca ispirata all’atmosfera dei tempi passati, di luoghi fantastici e finanche al tesoro emotivo custodito nelle parole. Si torna a ideare con tempi e processi meticolosi utilizzando aziende artigianali capaci di creare autentiche e originali “fantasie aromatiche” con l’impiego di materie prime selezionate. Re Profumo e Mirum nascono così, prima dalla penna di Fulvio Fronzoni e dopo con uno scrupoloso processo produttivo, i sogni olfattivi si ritrovano in boccetta.

 

Le storie e i racconti avviano l’esplorazione di nuovi spazi emozionali usufruendo dell’eredità culturale e artistica dell’autore. Storie differenti accomunate dall’uso delle parole. Parole che possono essere comuni o dissuete, facili o complicate, dure al punto di graffiare e ferire oppure voluttuose, capaci di suscitare romantiche passioni; in ogni caso parole dall’eco infinita. Finché, perseguendo la ricerca emotiva nell’utilizzo della parola, essa non si limita a essere soltanto ordinario elemento descrittivo di un profumo, ma acquisisce una rilevanza tale da diventare essa stessa un’entità odorosa. Prende vita una nuova visione olfattiva: WORDS.

 

Con WORDS, la parola diventa una scrittura aromatica essenziale, evocazione, ricetta creativa capace di raggiungere l’immaginazione e di trasportarla in un mondo di sensazioni personali in grande parte ancora inesplorato. La parola stimola sentimenti ed evoca ricordi, aspirazioni, desideri, come il profumo.  La sua forza espressiva unita al potere emotivo della fragranza crea una miscela dalla straordinaria forza seduttrice. 

La prima collezione WORDS è formata di quattro fragranze il cui sogno olfattivo è espresso dalle corrispondenti frasi. La loro lettura congiunta origina un proclama che svela l'intima aspirazione custodita nell'animo di molte persone.

 

·         So then, the best exist

·         You are the scent of my addiction

·         No longer will I wait, bye baby

·         The world waits me single and free

 

Il proclama WORDS esprime l’esigenza di un imminente riscatto per chiunque si rifiuti di continuare a fare ciò che non riesce più a sopportare. Con il termine “baby” è inteso ogni genere di realtà oggettiva che implichi una forma costrittiva. Il termine proclama deriva dal latino pro-clamare, "gridare avanti", ovvero "annunciare al pubblico", ma in questo caso specifico, il pubblico cui è rivolto il proclama è tutto raccolto nell’intimità del soggetto ed è il grido avviene nel buio della notte , luogo d’incontro e di scontro dei pensieri più profondi e sofferti.

“È nel buio della notte che sento l’eco delle parole pronunciate dalla mia anima, con le luci di un nuovo giorno la maggior parte di esse svanirà, mentre di certune l’impegno a farne uso sarà irremovibile.  Il loro profumo già m’inebria.”

Fulvio Fronzoni